Triangolo d’oro e Alpi Giapponesi

Triangolo d’oro e Alpi Giapponesi

€ 3.130 - Quota base per persona in camera doppia (Voli esclusi)

Tokyo, Takayama, Shirakawago, Kanazawa, Kyoto, Miyajima, Hiroshima,Okayama, Osaka

15giorni/14notti

partenze possibili da/per i principali aeroporti Italiani

Partenze individuali, minimo 2 partecipanti

Tour in libertà spostamenti con JrPass su Shinkansen

Le tariffe esposte potrebbero subire delle variazioni soggette a riconferma al momento della prenotazione a causa oscillazione valutaria Euro-Yen


Galleria Fotografica

Descrizione

Descrizione del Viaggio: ( id 085 )

Un pacchetto essenziale, per gli amanti della libertà. Include i pernottamenti in hotel e il Japan Rail Pass. Un viaggio ideale per chi vuole vivere il Giappone in tutta tranquillità, senza la frenesia delle escursioni organizzate.

Il tour tocca alcune mete imperdibili per chi viaggia per la prima volta nel Paese: da Tokyo ad Osaka, passando per gli antichi villaggi di Takayama, Shirakawago e Kanazawa, senza tralasciare Kyoto, Hiroshima e l’incantevole isola di Miyajima.

Richiedi info:

L'invio del presente modulo richiede l'accettazione della nostra Privacy Policy che puoi leggere a questo link:

Dichiaro di aver letto l'informativa in ogni sua parte e acconsento al trattamento dei miei dati personali.

Mappa

Giappone : Ritratto in breve

Sulla costa insulare dell’Asia Orientale, il Giappone, con le sue tremila isole, è tra i Paesi a più alta densità abitativa al mondo, a partire dalla sua stessa capitale, Tokyo, che conta più di 12 milioni di abitanti. Gli ideogrammi che compongono la parola Giappone significano “Origine del sole” ed è a questo che si devono le definizioni di “Terra del Sole nascente” o “Paese del Sol Levante”. La sua storia, caratterizzata da momenti di estrema chiusura verso il mondo occidentale e di altri, invece, di estrema apertura, ha portato il Paese a far convivere un’anima fortemente legata alle tradizioni religiose con un’occidentalizzazione amplificata, a volte eccessiva, ravvisabile soprattutto nelle metropoli. Ma il Giappone stupisce i visitatori non soltanto per le città avveniristiche, ma anche per la natura incontaminata, per le tradizioni antichissime e i rituali senza tempo, come quello affascinante della cerimonia del tè. Inoltre, poiché il Paese è abitato fin dal Paleolitico superiore, sono molte le testimonianze e i siti archeologici sparsi sul suo territorio (Kamakura e Nikkò in primis). Dunque: che si decida di perdersi nelle vie brulicanti di luci e rumori del centro di Tokyo o di rilassarsi ad Okinawa, la bellissima isola di roccia calcarea circondata da vecchie formazioni di barriere coralline, al centro dell’arcipelago giapponese, si vivrà sempre un’esperienza unica e distante anni luce dai paesaggi e dallo stile di vita tipici dell’Occidente.

Capitale

Affacciata sulla baia di Honshu, nella regione del Kanto, con i suoi oltre 12 milioni di abitanti Tokyo è tra i più grandi agglomerati umani al mondo. Quasi completamente distrutta durante la Seconda guerra mondiale, di antico conserva soltanto il magnifico Palazzo Imperiale che, con i suoi giardini, occupa interamente la parte più antica della città (Chyoda ku). Divisa in 9 macro aree e 23 circoscrizioni, collegate tra loro da una fitta e complicata rete di vie di difficile interpretazione anche per i cittadini stessi, Tokyo è sicuramente la città delle grandi contraddizioni. Dai santuari dello shopping più estroso e dell’elettronica futuristica di Ginza e Akihabara, all’intensa religiosità, ben visibile visitando la città vecchia e i templi cittadini. L’antico nome di Tokyo, Edo (foce del fiume), rimanda proprio alla sua posizione geografica alla foce di ben tre fiumi: Edo, Tama e Sumida. Nel XVII secolo, divenne residenza dello Shogun (massima carica militare di investitura imperiale che in poco tempo si trovò ad avere il controllo politico del Paese) e di fatto capitale politica ed economica dell’Impero, con Kyoto, invece, quale residenza imperiale. Altra peculiarità della megalopoli è la sua circonvallazione ferroviaria (Yamanote-sen) e metropolitana, che hanno reso Tokyo una delle città col sistema di trasporti più capillare, veloce ed efficiente al mondo.

Lingua

La lingua ufficiale è il giapponese.

Religione

La maggior parte dei giapponesi è shintoista (65%). I buddisti sono circa il 33%, mentre solo l’1,4% della popolazione professa una religione cristiana.

Sport

Lo sport nazionale per eccellenza è sicuramente il s umo, che letteralmente significa “strattonarsi l’uno con l’altro”. Le origini sono antichissime e fin dagli albori questa disciplina, evolutasi prima come pratica rituale poi militare e infine come sport vero e proprio, ha accompagnato la storia dello stesso Giappone. Il combattimento si svolge su di un Dohyo, un quadrato di paglia al cui interno è disegnato un cerchio e dove i lottatori si sfidano. Altre discipline strettamente legate alla storia e alla cultura nipponica sono le arti marziali orientali (Karate, Judo, Jujitsu, Aikido e Kendo). Curiosamente tra i primi sport occidentali a valicare i confini nipponici è stato il baseball, che ha immediatamente avuto seguito portando alla nascita nel lontano 1937 alla prima squadra ufficiale giapponese. A tutt’oggi il baseball è ancora tra le attività più seguite a livello nazionale.

Fuso orario

Otto ore in avanti rispetto all’Italia.

Distanza dall’Italia

Il viaggio in aereo per raggiungere il Giappone è di circa 12 ore.

Moneta

La moneta ufficiale è lo Yen.

fonte: Dove Viaggi

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA ALL’INGRESSO NEL PAESE

Passaporto

: necessario, in corso di validità (così come il visto su esso eventualmente applicato). Al momento dell’ingresso nel Paese bisogna essere in possesso anche del biglietto aereo di ritorno. A partire dal 20 novembre 2007 è entrata in vigore la nuova legge sull’immigrazione che prevede nuove  misure di controllo  applicabili agli stranieri in entrata nel Paese (presa delle impronte digitali e foto del volto). Da tali controlli sono escluse alcune categorie di stranieri 1) i minori di 16 anni; 2) chiunque svolga un’attività che ricada sotto lo status di “residence for diplomat or official”; 3) chi sia invitato dal titolare di un’Amministrazione pubblica giapponese; 4) chi venga indicato, con un’ordinanza del locale Ministero della Giustizia, come equivalente alle categorie di cui al punto 3) o 4).
In caso di smarrimento e successivo ritrovamento del passaporto, al fine di evitare possibili lunghe attese, si raccomanda di portare con sè, ove disponibile, copia dell’avvenuto ritrovamento del passaporto.
Per maggiori informazioni circa la validità residua del passaporto richiesta per accedere in Giappone, si consiglia di contattare l’Ambasciata del Giappone a Roma o il Consolato giapponese a Milano.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento: “Prima di partire – documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Visto di ingresso: i cittadini italiani possono recarsi in Giappone senza visto per motivi di turismo e per un massimo di 90 giorni di permanenza. Per soggiorni superiori a 90 giorni sarà invece necessario munirsi di un visto, che potrà essere richiesto presso l’Ambasciata giapponese a Roma o il Consolato giapponese a Milano.

Si attira l’attenzione dei connazionali che intendano esercitare un’attività professionale in Giappone sull’obbligo di munirsi di apposito visto per motivi di lavoro prima di intraprendere un viaggio verso questo Paese.
La violazione delle leggi che regolano la materia dell’impiego in Giappone può comportare conseguenze che vanno da sanzioni pecuniarie, talvolta molto elevate, all’espulsione con divieto di reingresso ed all’arresto nei casi più gravi.
Informazioni piu’ dettagliate possono essere chieste all’Ambasciata del Giappone in Italia sita in Via Quintino Sella, 60 a Roma (tel 06.487991) o al Consolato Generale del Giappone sito in Via Privata Cesare Mangili, 2/A a Milano (Tel. 02 6241141)
L’Ambasciata d’Italia a Tokyo resta a disposizione degli interessati in caso di
richieste di ulteriori informazioni su casi specifici (mail a consular.tokyo@esteri.it).
Allo stesso modo si segnala che  gli stranieri muniti di visto turistico, la cui permanenza in Giappone dovesse eccedere il limite temporale riportato sul visto medesimo, vengono sottoposti alle misure di cui sopra.
Nei casi in cui motivi di forza maggiore impediscano il rientro del viaggiatore nei tempi previsti, si consiglia vivamente di recarsi con debito anticipo rispetto alla scadenza del visto presso gli Uffici dell’Immigrazione locali per richiedere la possibilità di una estensione del visto in possesso, il cui rilascio è comunque valutato  – caso per caso – dalla predetta Autorità.

Si segnala inoltre – ai connazionali diretti in Giappone per turismo – la severità dei controlli di immigrazione alla frontiera. Al momento dell’ingresso nel Paese, sia presso i maggiori aeroporti, sia presso gli scali marittimi, le Autorità di Immigrazione posso richiedere dettagli precisi sulle destinazioni di viaggio, sulle prenotazioni alberghiere o sui voli di partenza dal Giappone. Può essere altresì richiesto di esibire contante sufficiente a coprire i costi della permanenza nel Paese (in proposito si tenga presente che la disponibilità di una carta di credito non è ritenuta una garanzia di per sé sufficiente).
Laddove le Autorità di Immigrazione rifiutino l’ingresso, il turista è chiamato a rifondere in toto le spese che l’Amministrazione giapponese deve sostenere durante il periodo di permanenza in frontiera, nonché a provvedere al pagamento delle spese di acquisto o di sostituzione del biglietto aereo ovvero quelle dovute al cambio della data di rientro di quello eventualmente in possesso. Si raccomanda pertanto di verificare con attenzione l’effettivo possesso degli elementi giustificativi predetti.

Formalità valutarie e doganali: nessuna in particolare.
Non vi è limite all’importazione e all’esportazione di valuta, ma è obbligatorio dichiarare alla dogana la somma superiore ad un milione di Yen.
Divieto di importazione: armi da fuoco e munizioni, insaccati (ad esclusione di quelli confezionati sottovuoto in vendita nei duty free shops delle aree transito), merci alimentari facilmente deperibili (quali ad esempio frutta fresca).
Le maggiori carte di credito sono accettate, mentre i bancomat potrebbero non essere utilizzabili. Si suggerisce di contattare la propria banca prima di partire, per evitare spiacevoli inconvenienti.
Benchè il pagamento tramite carta di credito presso gli esercizi abilitati è regolarmente garantito, si raccomanda comunque di portare con sé una congrua quantità di contante da cambiare in loco in caso di necessità.

Limitazione di esportazione: piante in generale.

Viaggiatori con Animali
(cani e gatti): vige la quarantena; per ulteriori informazioni consultare il sito www.maff-aqs.go.jp/english/index.htm.

fonte: Viaggiare Sicuri

2018-03-01T17:47:34+00:00